Nel secondo Paese manifatturiero d’Europa l’evoluzione 4.0 trova la sua fiera di riferimento in SPS Italia, dedicata all’industria intelligente, digitale e flessibile, a Parma dal 28 al 30 maggio 2019.
Tra tutti i comparti legati a Industria 4.0 la robotica sembra essere quello che, negli anni, ha vissuto una crescita costante che ha portato le macchine in moltissime fabbriche, dalle più grandi alle piccole officine artigiane.
Uno dei principali highlight della nona edizione è stato il padiglione dimostrativo 4.1, dedicato alla robotica, alla meccatronica, ma anche a tutta la progettazione legata alla fase manifatturiera in cui robot hanno sempre più peso, uno dei più significativi player del comparto è Universal Robots.
Durante la tre giorni di fiera è stato possibile misurare la capacità dei Cobots danesi di automatizzare i processi produttivi in ogni settore manifatturiero, grazie alla propria facilità di installazione e utilizzo e alla ormai proverbiale flessibilità applicativa e operativa. Le soluzioni progettate dai partner UR hanno dimostrano, infatti, l’esistenza di una nuova robotica in termini di opportunità applicative, facilità d’uso e costi contenuti.
Abbinando i cobot e-Series con le soluzioni hardware, software e EOAT testate e certificate presenti in UR+ lo store on-line di prodotti plug&play da abbinare alle applicazioni collaborative con Cobot UR, è possibile dare vita a moltissime applicazioni.
Tra quelle presenti in fiera spazio a due applicazioni di pick&place potenziate, rispettivamente, da un sistema di visione 2D e uno 3D, a un’applicazione di asservimento macchina con ProFeeder e a un altro asservimento per una fase di marcatura laser.
universal robots sps ipc parma fortek universal robots sps ipc parma universal robots sps ipc universal robots sps ipc